La presenza nelle sale cinematografiche dell'ultima fatica di Dario Argento mi ha convinto a dedicare qualche riga a quello che puo` essere considerato a pieno titolo il precursore di un genere, il giallo all'italiana, di cui poi lo stesso Argento sarebbe stato uno degli esponenti piu` attivi ed ispirati: il film Ŕ La ragazza che sapeva troppo, diretto nel 1962 da Mario Bava, e sebbene non sia cronologicamente il primo film "giallo" diretto in Italia e` sicuramente quello in cui sono presenti, piu` o meno in nuce, gli elementi che poi caratterizzeranno e distingueranno la produzione cinematografica thrilling nostrana da quella del resto del mondo.

La trama e` abbastanza semplice: Nora Davis, una ventenne americana in vacanza a Roma (interpretata dall'attrice Leticia Roman), dopo aver assistito involontariamente ad un omicidio, si trova coinvolta in una serie di delitti che paiono rifarsi a quelli di un maniaco che terrorizzava la citta` dieci anni prima uccidendo giovani donne secondo l'ordine alfabetico.
La ragazza, aiutata dal giovane medico Marcello Bassi (l'attore John Saxon) e dall'inquietante giornalista Landini (Dante De Paolo), cerchera` di far luce sul misterioso delitto a cui e` convinta di aver assistito e a cui nessuno pare credere, mentre l'assassino farÓ il possibile per eliminare lei e tutti quelli che si stanno avvicinando troppo all'agghiacciante verita`.

Girato in un glaciale b/n, il film di Bava si avvale di un ottima fotografia e di un sapiente uso delle inquadrature, capaci di rendere Roma tanto solare e tranquilla di giorno quanto tetra ed inquietante di notte. L'uso dei primi piani e di alcune carrellate, unito all'accompagnamento con temi musicali d'atmosfera, contribuisce poi a creare una suspense davvero palpabile e genuina, capace di far restare lo spettatore con il fiato sospeso anche in quest'epoca di effetti speciali ultramoderni.
Il film, pero`, purtroppo non e` esente da difetti: se da un lato le capacitÓ di Bava come regista horror riescono a rendere macabra anche Piazza di Spagna, i frequenti intermezzi rosa che caratterizzano il rapporto tra la giovane Nora ed il dottor Bassi spezzano un po' troppo la tensione e risultano alla fine un po' disomogenei rispetto al tutto.

Il merito de La ragazza che sapeva troppo, comunque, non e` quello di essere un buon film "giallo" (cosa che, ad ogni modo, gli riesce), ma quella di aver aperto letteralmente la strada -insieme al notevole Sei donne per l'assassino, diretto sempre da Bava tre anni dopo- al filone dello spaghetti thriller, che vedra` la sua nascita ufficiale nel 1969 con L'uccello dalle piume di cristallo e la sua definitiva consacrazione nel 1975 con Profondo rosso: nel film di Bava sono infatti giÓ presenti alcuni elementi che diverranno poi dei veri e propri marchi di fabbrica dei film argentiani, come per esempio l'uso dei primi piani, le lunghe carrellate, i punti di vista "impossibili", l'idea dell'assassino non come freddo calcolatore ma come maniaco spinto al delitto dalla sua follia, il protagonista come testimone di qualcosa che non riesce bene ad inquadrare... Tutto questo si ritrovera` nei film di Argento e in moltissimi altri, soprattutto nel giÓ citato Profondo rosso, che a La ragazza che sapeva troppo e` debitore di un paio di ispirazioni.

In conclusione, La ragazza che sapeva troppo e` un film decisamente godibile, ingiustamente trascurato e certamente meritevole di una riscoperta in questi tempi "insonni", magari grazie al bellissimo DVD americano prodotto dalla Image Entertainment, che presenta il film nel suo formato originale e con una chiarissima traccia audio in italiano.

Chiudo definitivamente con una curiosita`: in un'intervista Mario Bava ebbe a dire che all'epoca non se la sentiva di dirigere il film e che come "giallo-rosa" gli pareva assurdo, concludendo con un "magari avessi avuto Kim Novak e James Stewart...". GiÓ, magari...


[ Home ] [ Recensioni ] [ Top ]