Opera prima di uno scrittore nuovo alla narrativa, Leonardo Gori, ma gia` attivo nel mondo della carta stampata come giornalista e saggista, Nero di maggio e` un thriller di ambientazione storica, che si svolge a Firenze nella primavera del 1938, durante i preparativi e lo svolgimento della visita alla citta` di Adolf Hitler e Benito Mussolini.
Si tratta comunque di un thriller atipico, perche` tutto sommato l'intreccio giallo, pur accattivante e avvincente, risulta messo in secondo piano dall'interesse che suscita nel lettore la ricostruzione della realta` sociale e politica (fiorentina, toscana, ma indubbiamente anche nazionale) in un momento cosi` cruciale nella storia dell'umanitÓ.
Il fascismo permeava di se` ogni aspetto della societa`, dopo un quindicennio anni di dittatura, ma nel romanzo di Gori appare meno monolitico di quanto possa sembrare da altre piu` superficiali ricostruzioni, con trame e correnti, con nudi e puri della prima ora e maniconi e opportunisti della seconda; in ogni caso, con tanti scheletri negli armadi. Ma soprattutto, per la prima volta dopo tanti anni, nel 1938 c'e`, nei piu` acuti osservatori, la sensazione che la storia stia per cambiare, che gli eventi precipitino, e c'e` chi teme il futuro, chi lo attende con fatalismo e rassegnazione, con il senso dell'impotenza, chi lotta e lavora per prepararlo e modellarlo.

Scrive Gori nelle ultime pagine del romanzo: "Gli anni Trenta, in buona parte spensierati, leggeri, correvano a precipizio per una nuova e ancora inconoscibile strada, verso scelte terribili e destini segnati, lasciando inconsapevoli le folle, indecisi e perplessi gli intellettuali, gli stessi politici ignari. La primavera fiorentina cambiava le carte in gioco non solo per l'Italia ma per l'Europa e il mondo, e si avvicinava prepotente, per tutti, l'ora di scegliere finalmente tra l'opportuno e il vero, tra la vita e l'abisso, tra il bene e il male. Era la fine del quieto vivere borghese all'ombra del fascismo".
Arriva il tempo delle scelte, dunque.

Protagonista del romanzo e un capitano dei carabinieri, Bruno Arcieri (il nome non e` scelto a caso, ma un preciso inside joke: e` cosi` che venne chiamato l'eroe dei fumetti Brick Bradford alla sua prima apparizione in Italia, proprio negli anni Trenta), chiamato a indagare su due efferati delitti che hanno insanguinato Firenze proprio alla vigilia della visita in citta` di Hitler e Mussolini. Le vittime sono due prostitute, ma c'e` pure il mistero, che pare collegato agli omicidi, di una ragazza rapita da un orfanotrofio. Le indagini, che Arcieri svolge insieme al maresciallo Carruso, portano alla casa di un fotografo con il vizio del porno, Primo Bianchi, che viene pero` trovato suicida nel suo studio. Apparentemente, per il rimorso di aver ucciso; oppure perche` convinto di non poterla fare franca. Del resto, accanto al cadavere ci sono prove che lo incastrano e sembrano accusarlo anche del rapimento della ragazza scomparsa. Troppo facile, secondo Arcieri. Il dubbio che qualcuno gli abbia offerto Bianchi come colpevole perfetto, tipo d'autore, per nascondere responsabilita` altrui si fa piu` forte allorche` al capitano viene bruscamente impedito di approfondire le indagini in seguito a pressioni che vengono da molto in alto. Di sicuro, le autoritÓ fasciste non ci tengono a far giungere il Duce e il Fuhrer in una citta` dove sia ancora in corso la caccia a un assassino. Ma Arcieri ha l'impressione che ci sia qualcos'altro, qualcosa di ancora piu` grave, che coinvolgono i pezzi grossi del fascio fiorentino, tra i quali ci sono gelosie e rancori e molti segreti da nascondere. Il capitano non puo` comunque tirarsi indietro dal nuovo compito che gli viene affidato: fare da scorta a un importante Gerarca giunto da Roma per preparare la visita di Hitler.
Il Gerarca (di cui non si fa mai il nome ma nel quale si puo` facilmente riconoscere la figura storica di Alessandro Pavolini) e` un personaggio affascinante, grande nel bene e nel male, colto e raffinato ma anche duro ed enigmatico. Seguendo lui e Arcieri il lettore visita la Firenze del 1938 scoprendo le riunioni degli intellettuali nel retrocaffe` de "Le Giubbe Rosse", la tipografia Nerbini dove si stampavano i fumetti americani che il regime voleva far chiudere, le strade e i negozi del centro, i salotti buoni e le case di tolleranza. Il Gerarca incarica Arcieri di svolgere indagini private per suo conto, sugli avvenimenti verificatisi a Firenze a meta` degli anni Venti, quando in citta` ci fu una vera e propria guerriglia fra fascisti e comunisti, neri e rossi, con morti e violenze inaudite da entrambe le parti, prima che il regime di Mussolini prendesse il sopravvento. Arcieri accetta, sia pure controvoglia, ottenendo in cambio di poter proseguire a indagare anche sul caso della ragazza scomparsa e delle due prostitute uccise. Intanto, appare chiaro che c'e` anche chi vuole approfittare della visita di Hitler per uccidere il dittatore tedesco, e si tratta di una persona molto vicina al capitano Arcieri.

Il romanzo si fa sempre piu` intrigante e il ritmo sempre pi¨ serrato, con i movimenti dei personaggi che seguono quelli della realta` storica (l'autore si e` documentato fino alla minuzia circa gli spostamenti del corteo di Mussolini, in citta`, il 9 maggio). Un terribile segreto che trova origine nei fatti di sangue del '25, usati per coprire un delitto privato e un arricchimento illecito, collega direttamente le indagini volute dal Gerarca alle morti attribuite al Bianchi: alla fine, la scoperta della verita`, sia sull'identita` dell'assassino, sia sui motivi che hanno spinto il Gerarca stesso a costringere Arcieri a lavorare per lui.

Dal punto di vista della trama gialla, la tensione che porta al finale resta appena un po' smorzata dalla rivelazione del chi sia il colpevole; resta valido l'intreccio, anche se la sottotrama dell'attentato al Fuhrer poteva essere ancor meglio sfruttata.
Una nota sullo stile: non modernissimo, ma probabilmente ben accordato con il periodo storico in cui si ambienta il romanzo. Si perdonano facilmente all'autore gli eccessi di virgolette e di avverbi, e non resta che attendere con curiosita` e interesse il secondo romanzo, di sicura uscita dopo il buon successo del primo, che si preannuncia ambientato nel Settecento.


Leonardo Gori, Nero di maggio
Postfazione di Giorgio Luti
2000, Hobby & Work - Collana Giallo & Nero, 290 pagine, L.28.000


[ Home ] [ Recensioni ] [ Top ]