"Cio` che deve accadere, accade" cantano i CSI e pare essere un denominatore comune per i due noir di Rigosi. Letteratura della casualita`, si potrebbe definire: gli eventi si succedono rapidamente e i protagonisti ne rimangono impigliati, trascinati fino alla soluzione delle vicende.

La trama del primo romanzo e` in bilico tra vicende berlinesi degli anni '70 (musica & terrorismo) e una caccia all'uomo ai giorni nostri, ferma per mancanza di indizi.
Il secondo romanzo prende avvio da uno scambio (informazioni contro soldi) progettato nei minimi particolari e fallito per caso: la vicenda prosegue tra spacciatori, agenti dei servizi segreti, politici, poliziotti, una ragazza "indipendente" e un autista di autobus, inconsapevolmente trascinato tra fughe e sparatorie verso una nuova vita.

Piu` pacati i ritmi del primo romanzo, piu` frenetici quelli del secondo, in entrambi i casi la forza della narrazione impone al lettore di non mollare e continuare a leggere tutto fino in fondo. Il premio finale e` cogliere la maturazione dei protagonisti, vederli compiere un rito di passaggio per arrivare ad una nuova consapevolezza del proprio essere.


Giampiero Rigosi
Lola a caccia, Adnkronos Libri, Prima Scelta n.15, 1999 (L. 13.000)
Notturno Bus, Einaudi, Tascabili Stile Libero Noir n.736, 2000 (L. 16.000)


[ Home ] [ Recensioni ] [ Top ]