Jihad: sforzo contro se stessi (jihad maggiore) o
contro gli infedeli (jihad minore o guerra santa).
Jihad fi sabilillah: guerra santa nella via di Dio.

(dal Lessico dei termini arabi, in appendice al romanzo)


Il romanzo e` la storia di una caccia. Djamal, il cacciatore, e` un algerino a cui un gruppo fondamentalista islamico ha presumibilmente ucciso la sorella durante l'assalto al suo villaggio. Il gruppo era guidato da un europeo, Max Tannart, e proprio quest'uomo e` il bersaglio della vendetta di Djamal, vendetta che e` una vera e propria jihad, una guerra santa.
Da questo punto in poi si snoda un thriller futuribile ambientato in una Francia ultranazionalista e ultraliberista, un paese rinchiuso in un guscio ultratecnologico. La parola d'ordine e` "sicurezza": tutto il resto e` relativo e, naturalmente, conseguente. Ne conseguono, quindi, un razzismo xenofobo e organizzazioni paramilitari fascistoidi, enclavi di massima sicurezza per i cittadini di serie A e sfruttamento e terrore per gli altri.

Il romanzo e` del 1998, antecedente, quindi, alla caduta delle torri. Il nemico dei buoni occidentali, pero`, e` lo stesso: l'Islam, senza altre considerazioni di sorta. Djamal al suo paese e` un eroe che ha combattuto contro le milizie fondamentaliste, ma agli occhi degli europei e` un terrorista. Poco importa la dimensione personale della vendetta di Djamal: ogni azione del guerriero viene giudicata come un attacco dell'Islam all'0ccidente. E poco importa che Max Tannart, prima di rafforzare il CAID, la milizia paramilitare, fosse alla guida di un drappello di fondamentalisti islamici. E, naturalmente, nessuno fa caso a certi comodi attentati attribuiti al terrorismo islamico che aiutano solo a rafforzare lo status quo.

Quello che ci racconta Ligny, quindi, non e` solo la storia di Djamal, ma una immediata proiezione e amplificazione dei sentimenti e dei desideri che, ogni giorno di piu`, fanno da sostrato e schermo alle politiche dei vari inquietanti personaggi che hanno sufficiente potere e forza per ridisegnare il paese, l'Occidente, il mondo.
E` l'incubo che ci aspetta dopo il sogno della liberta` e della sicurezza.


Jean-Marc Ligny, Guerra Santa (Jihad, 1998)
Tascabili Immaginario Fanucci, 2002, pp.400, 7,50 euro


13 luglio 2003



[ Home ] [ Recensioni ] [ Top ]