Si nota palesemente, leggendo questo romanzo, che l'autore e` prima di tutto un regista, divenuto scrittore per poter comunque rendere partecipe quel pubblico cinematografico e televisivo, potenzialmente privato della sua opera a causa di molteplici fattori convergenti, sinceramente opinabili, ma concretamente reali (come sottolineato dall'autore stesso durante la presentazione del libro a Milano).

La sua scrittura e` piacevole, ricercata, ma moderna. Dopo poche pagine traspare già tutta la passione per il cinema che sara` il filo conduttore di tutto il romanzo.
La caratterizzazione dei personaggi pero`, risente di quella mancanza di "mestiere" sviluppato con anni di pratica da molti suoi illustri colleghi. D'altro canto ne consegue comunque una maggiore forza descrittiva che permette al lettore di trasferirsi quasi fisicamente nelle vie della Torino di oggi e in quelle piu` misteriose ed affascinanti della Torino di ieri.
Le righe di Giallo Antico si trasformano con estrema facilita` in immagini, lo scorrere dei paragrafi in fotogrammi di una pellicola che consolida e visualizza nella mente del lettore i luoghi di forte impatto storico in cui e` ambientata la storia.
Ecco allora che e` Torino, quasi, la protagonista del romanzo, ovvero, altrimenti, uno sfondo disegnato con tinte forti e tratti decisi in cui personaggi del presente "inventati" e figure storiche e reali di un passato non tanto lontano, si fondono grazie ad una tecnica cinematografica cara a Russell Malcahy (Highlander, 1986) che, a mio avviso, rende il romanzo ancor più avvincente, specialmente dove e quando la vicenda rischia delle cadute di ritmo. I passaggi temporali tra la Torino di oggi e quella dei primi del secolo sono eseguiti magistralmente con una fluidita` disarmante, complice, qui, la mano esperta del Farina regista.

Il romanzo, in definitiva, e` un giallo, anomalo, ma con le carte in regola (anche se a mio avviso catalogare in generi molte opere letterarie è restrittivo e rischia di non dare ampio respiro alle idee dell'autore).
Dico in definitiva perche` in realtà la trama e` un po' lenta e la suspance non raggiunge mai livelli estremi cari a molti generi (gialli/noir/thriller), il lettore quindi deve predisporsi e prepararsi ad una storia che trae la forza non gia` da questi temi, ma dal fascino irresistibile della storia e da quello non di meno irresistibile del cinema.
Letto magari come saggio storico in omaggio alla capitale del cinema di inizio secolo ed a un grande scrittore del passato quale Emilio Salgari, il romanzo prende vita, trascina ed affascina il lettore, guidato da Marco, il protagonista della storia, che, in aria di tesi di laurea, si addentra in un'indagine costruita e strutturata sulla storia e sui ricordi, sino a dare certezza alle sue iniziali supposizioni, un'indagine che fara` scoprire al lettore un Salgari legato in qualche modo, oltre alle classiche avventure "piratesche" prettamente letterarie, anche al cinema (la "film" come si diceva ai tempi).
Farina è perfetto nella ricostruzione storica dei fatti, le sue intuizioni e la sua fantasia sono il collante giusto per arginare quei "buchi" storici che ovviamente resteranno irrisolvibili, alimentando ancor di piu` il mistero (se di mistero si può parlare) legato alla morte dello scrittore veronese.
Che dire quindi di piu` se non che Giallo Antico permette in sintesi di conoscere personaggi storici piu` o meno di spicco ed esalta la figura importante di Emilio Salgari, scrittore che ho letto ed apprezzato in gioventu` come molti altri ragazzi della mia eta`, sicuramente amato per avermi tenuto compagnia e fatto volare con la fantasia in tempi non sospetti (la tivu` era in pieno periodo pionieristico).
Un'ultima nota di merito va senz'altro a Corrado per aver saputo creare quella storia d'amore tra il protagonista e la professoressa appassionata salgariana, mai scontata, ricca di pathos e sentimento, un tema mescolato alla perfezione durante tutta l'indagine che, unito pure all'ironica ed indovinata figura di Gian Ferrua, personaggio esilarante per sfiga e tempismo da sfiorare il patetico ma paradossalmente necessario come specchio delle assurdita` del nostro tempo, rende il romanzo gradevole, completo e per nulla scontato.
Consigliato a tutti (ragazzi di oggi compresi, eh eh...).


Corrado Farina, Giallo antico
1999, Fogola (Torino), L.32.000


[ Home ] [ Recensioni ] [ Top ]