Esattamente un anno fa mi era capitato di leggere e poi di parlare del convincente esordio narrativo del filosofo napoletano Bruno Coppola, avvenuto con un giallo assai interessante: Clotilde e il segreto di San Rocco (2003, Le Lettere). L'impresa narrativa di Coppola va avanti e ora, in Clotilde e la maledizione degli Altamura (2004, Le Lettere), la coraggiosa e sensuale ragazza (Clotilde, appunto) investiga su un mistero legato a un'antica e potente famiglia, a un palazzo e alle inspiegabili morti di chi gravita lì intorno. Ci sono di mezzo poteri paranormali, ma anche rancori, invidie e lotte familiari.

La scrittura di Coppola e` tesa e lucida, i personaggi ben costruiti e la storia che ci propone e` avvincente e intrigante, con forse troppe sorprese e colpi di scena che fanno di questo romanzo un giallo a sfondo gotico. Nel precedente libro usciva fuori una Napoli sotterranea, nascosta e misteriosa, un dialogo fitto tra i personaggi, un contatto forte con la realta` e ipotesi drammatiche per un futuro sempre piu` instabile. Ora la nuova storia narrata da Bruno Coppola è assai piu` libera della precedente, mossa e persino piu` avvincente, si`, pero` meno legata alla realta`, alla riflessione sociale e filosofica che tanto avevamo apprezzato nel precedente romanzo. Pero` Clotilde e la maledizione degli Altamura e` senz'altro una storia assai godibile (vedi i dialoghi in napoletano), avvincente e avventurosa, con tratti molto inquietanti. Un romanzo che sicuramente ben si presterebbe a una trasposizione cinematografica:

- Ci abbiamo pensato molto, mio fratello, mia moglie Nunziata e io... la povera moglie di mio fratello se n'e` andata parecchi anni fa... e abbiamo capito che solo voi ci potete aiutare. Mio fratello non voleva ma io e Nunziata abbiamo insistito. Vi abbiamo seguito da quando siete entrato nella polizia, ci siamo detti "'o signurino Giulio mettera` nu poco d'ordine in questa citta`". Voi siete l'orgoglio del vicolo, dottor Giulio!
- Don Miche` - si schermì Sauro, - non esagerate, sono un commissario, non Nembo Kid.
- Per ora. Siete ancora cosi` giovane! Quant'anni tenite, quaranta?
- Quarantatre`.
- Siete giovane - ripeté Michele. - Avete tutto il tempo di diventare...
Sauro cominciava a divertirsi.
- Diventare... che cosa, don Miche`?
- Non lo so! - sbottò il vecchio - Che vene doppo 'o commissario?
- Vicequestore e questore.
- Appunto. Questore.
- Va bene, va bene. Allora... che posso fare per voi?
- Per noi niente, dotto`. Non siamo noi il problema.
- Ah, no? E qual e`?
Il vecchio si guardo` intorno, come per assicurarsi che nessuno sentisse.
- Stanno succedendo cose strane.
- Dite - lo incoraggio` Sauro.
- Questo palazzo - disse don Michele lentamente e a voce bassissima - e` colpito da una grande maledizione.
Sauro si guardo` istintivamente intorno.
- Questo palazzo? - chiese preoccupato.



Bruno Coppola, Clotilde e la maledizione degli Altamura (2004)
2004,Le Lettere, pagg. 174, euro 12,50


Roma, 9 ottobre 2004


[ Home ] [ Recensioni ] [ Intervista ] [ Top ]