Edward Bunker ha scritto diversi romanzi, la maggior parte dei quali e` rimasta, e probabilmente rimarra`, inedita. Era un ragazzo quando inizio` il primo. Un ragazzo chiuso dentro una cella del penitenziario di San Quentin in California. "Non avrei mai immaginato che ci sarebbero voluti diciassette anni [quattordici dei quali passati in prigione - n.d.r] e sei romanzi inediti prima che il settimo venisse pubblicato. Perseverai, perche` avevo compreso che la scrittura rappresentava la mia sola ed unica possibilita` di creare qualcosa, di risalire dal pozzo delle tenebre, realizzare il sogno, e riposare al sole".

Educazione di una canaglia, uscito in edizione originale nel 2000, e` il racconto autobiografico di un'intera vita trascorsa in un mondo colmo di violenza e rabbia che Bunker si e` lasciato alle spalle solo grazie alla scrittura.
Nel 1973 fu dato alle stampe Come una bestia feroce (No Beast so Fierce), "il mio primo romanzo pubblicato -dice Bunker- e il mio miglior romanzo, da tutti i punti di vista". L'opera fu accolta in modo molto positivo dalla critica e dal pubblico e due anni dopo Bunker ottenne la liberta` sulla parola: da allora si e` confrontato con il mondo del crimine solo attraverso le pagine dei suoi lavori.
Una stagione nuova e` poi iniziata con le sue apparizioni in diversi film (e` Mr. Blue in Reservoir Dogs di Quentin Tarantino), il cambio dell'agente letterario (su suggerimento di Ellroy) e la pubblicazione dei suoi romanzi da parte della No Exit Press, che ha permesso a Bunker di diventare uno degli scrittori di genere piu` apprezzati in Inghilterra e Francia.
Da qualche anno la casa editrice Einaudi ha iniziato la pubblicazione dei suoi romanzi, riproponendo Come una bestia feroce (gia` apparso nel 1996 per la Mondadori) e traducendo dapprima la sua ultima opera narrativa, Cane mangia cane, e infine la sua autobiografia.
Lo scorso anno Ŕ stato anche pubblicato il suo secondo romanzo, Animal Factory del 1977, nei Gialli Mondadori (e poi pubblicato, credo in una nuova traduzione, da Einaudi).

In Educazione di una canaglia il lettore che conosce Bunker trovera` personaggi e situazioni, gia` incontrati nei suoi romanzi, nella loro versione reale. A volte sono raccontate anche le stesse sensazioni, e quasi con le medesime parole. La narrativa di Bunker e` unica proprio per la sua conoscenza diretta del crimine; i reati che lo hanno portato in prigione comprendono furti, truffe e rapine, queste ultime raramente a mano armata: "Le armi da fuoco creano una situazione per definizione troppo aleatoria. C'e` sempre il rischio che qualcosa vada storto".

La sua passione precoce per la lettura e la scrittura hanno permesso ad esperienze spesso tragiche di maturare fino a diventare la materia delle sue opere e, quindi, la sua possibilita` di riscatto. L'autobiografia ha sicuramente varie lacune e sembra nascere da brani scritti in tempi diversi, probabilmente usando materiali elaborati per la narrativa o il cinema, per il quale Bunker ha lavorato come sceneggiatore (sono frequenti dei cambi di ritmo e stile molto evidenti, come ad esempio nel racconto della vita nel carcere di Folsom, pag. 429): tutto questo, pero`, non toglie forza alle sue parole, sempre sincere e dirette.

Dei romanzi editi in Italia, Come una bestia feroce (definito da Ellroy "il piu` bel libro mai scritto sul tema della rapina a mano armata") e` sicuramente quello che rappresenta al meglio Bunker, mentre Cane mangia cane del 1996 soffre di impianto narrativo e di scelte stilistiche troppo in debito col cinema di quegli anni: una sorta di omaggio letterario a Tarantino. Le scene iniziali sono di una violenza gratuita ed eccessiva, e l'opera ondeggia tra la descrizione rassegnata di un paesaggio urbano diventato piu` pericoloso dell'ambiente carcerario e una trama dove i personaggi non acquistano mai profonditÓ, ma si trascinano da un'azione all'altra fino alla tragica conclusione.
Con Animal Factory Bunker scrive un romanzo interamente ambientato tra le mura di un carcere, San Quentin, narrandone in particolare le faide interne e le lotte razziali, un fenomeno che l'autore vide nascere proprio in quel penitenziario nella seconda meta` degli anni sessanta, e migliore del romanzo risulta essere il racconto autobiografico.

Ora Edward Bunker e` sposato e ha un figlio. Nelle pagine finali di Educazione di una canaglia racconta in breve la sua vita al di fuori della prigione, una vita finalmente serena, sognata negli anni del carcere e nata dalla scrittura.


Libri pubblicati in Italia:
Come una bestia feroce (1973; Einaudi, 2001)
Animal Factory (1977; I Neri del Giallo Mondadori n.5, 2001)
Little Blue Boy (1981; Einaudi, 2003)
Cane mangia cane (1996; Einaudi, 1999)
Educazione di una canaglia (2000; Einaudi, 2002)


Luglio 2004


[ Home ] [ Recensioni ] [ Top ]