L’avversario, uscito quest’anno in Francia e subito pubblicato in Italia, e` una grande storia tragica, cosi` dura da sembrare assurda. Invece e` vera, purtroppo.
Jean-Claude Romand il 9 gennaio 1993 uccide moglie, figli e genitori, poi da fuoco alla casa nel tentativo di suicidarsi. Perche`? Ben presto si scopre che l’uomo e` un bugiardo incallito e un truffatore: non e` un medico importante dell’OMS come ha sempre affermato a tutti, non ha nemmeno un lavoro e non si e` mai laureato in medicina. I suoi conti correnti ormai erano in rosso, non avrebbe piu` potuto fingere, ne` sostenere la parte che si era assegnata, ne` condurre la vita agiata che aveva potuto fare solo grazie ai soldi affidatigli (e che avrebbe dovuto investire a Ginevra) dalla moglie, dai genitori, dai suoceri, dagli amici... e allora che fare? confessare tutto? sgretolare quell’immagine che di se` aveva costruito giorno dopo giorno con tanta fatica e curando ogni dettaglio? No, di fronte al baratro gli e` sembrato piu` semplice e accettabile sterminare tutti e darsi la morte (o fingere di averci provato).
Erano quasi due decenni che Jean-Claude Romand mentiva a tutto spiano e nessuno si era mai accorto di nulla: i genitori che lo conoscevano da sempre, la fidanzata, che poi diventa sua moglie, gli amici universitari che poi diventano medici. Nessuno ha dei dubbi, lo stimano troppo per mettere in discussione ciò che dice. Una persona assai abile, quindi, intelligente, "gentile", come in molti hanno affermato al processo, che inganna le persone che ama per non deluderle e poi le uccide solo per non farle soffrire: un criminale anomalo o un folle?

Emmanul Carrére scrive al pluriomicida perche` vuole capire qual e` l’origine del male, quale sono le molle che fanno scattare la menzogna continua, la violenza cieca. Incontra in carcere Romand, indaga, assiste al processo, parla con il suo avvocato, con i vecchi amici, con i volontari cattolici che lo assistano e lo trovano davvero pentito, "illuminato" (ora) dalla fede, va sui luoghi da lui frequentati, passa ore a vagare nei boschi o seduto da qualche parte, in una panchina, in un bar, come faceva lui quando fingeva di recarsi al lavoro.
Ne vien fuori un romanzo inchiesta mozzafiato scritto con un linguaggio essenziale, che vuole essere cronachistico, si`, ma lo stile e` preciso e affilato. Una vicenda umana spaventosa narrata in modo diretto, senza filtri, con estrema abilita`: con pacatezza, ma senza indulgenza, che Carrère inserisce accanto alla propria vita reale, alle difficolta` incontrate durante la stesura del libro, alle sue considerazioni: "Mentre tornavo a Parigi per rimettermi al lavoro, non vedevo piu` ombra di mistero nella sua lunga impostura, ma solo una misera commistione di cecita`, disperazione e vigliaccheria (...) Sono sicuro che non stia recitando per ingannare gli altri, mi chiedo però se il bugiardo che c’e` in lui son lo stia ingannando"".

Tutto ci viene svelato, pero` alla fine –pur conoscendo ogni particolare di questa storia terrificante– si resta increduli, angosciati perché la verita` ultima del criminale Jean-Claude Romand (uomo modello prima di diventare assassino o era carcerato modello, mostruosamente indulgente con se stesso) resta inspiegabile, immersa nel mistero, nel male assoluto, e` il contrario (l’avversario, appunto) della conoscenza, dell’umanita`, del Bene.

L’avversario e` un libro dove si affronta con coraggio l’orrore, si cerca d’afferrarne in modo lucido, "illuministico", i meccanismi e si ammette l’impossibilità di riuscire a capire. Il Male non e` assenza di Bene (della fede, come affermano i volontari cattolici divenuti amici di Jean-Claude), ma Vuoto totale, quello stesso che aveva iniziato a invadere lo studente universitario Romand, "fino a lasciare soltanto un simulacro di un uomo in abito nero, un baratro da cui proveniva una corrente d’aria gelida". Fa da sfondo alla vicenda narrata (e da contrasto) la Francia che confina con la Svizzera, dei monti delle Jura: terra di Voltaire.

Il regista francese Laurent Cantet (v. Risorse umane, 1999) ha tratto un film dal libro (che ne conserva il titolo), che speriamo di vedere presto.


Emmanuel Carrère, L’avversario
tr. di Eliana Vicari Fabris
2000, Einaudi, pagg. 161, lire 20.000


Nota bio-bibliografica
Emmanuel Carrère e` nato a Parigi, dove vive, nel 1957.
Motivo dominante dei suoi romanzi e` l’inquietante e minaccioso sfaldamento della realta` e della sua percezione. Ha esordito nel 1984 con Bravura.

Libri pubblicati in Italia:
L’avversario (Einaudi, 2000)
Baffi (Bompiani, 2000 - Theoria, 1988, 1997)
La settimana bianca (Einaudi, 1996)
Io sono vivo e voi siete morti (Theoria, 1995 – Biografia di Philip K. Dick).
Bravura (Marcos y Marcos , 1991)
Fuori tiro (Theoria, 1989)


[ Home ] [ Recensioni ] [ Top ]