Jean-Claude Izzo

Jean-Claude Izzo [Marsiglia (FRA), 1945 – 2000]


Trilogia Montale 1995 Total kheops Casino totale e/o 1996 Chourmo Chourmo: il cuore di Marsiglia e/o 1998 Solea Solea e/o

Altri testi 1970 Poèmes à haute voix     1972 Terres de feu     1974 Etat de veille     1975 Braises, brasiers, brûlures     1975 Paysage de femme     1976 Le réel au plus vif     1978 Clovis Hughes, un rouge du Midi     1997 Loin de tous rivages     1997 Les marins perdus Marinai perduti e/o 1998 Vivre fatigue Vivere stanca e/o 1999 Le soleil des mourants Il sole dei morenti e/o 1999 L’Aride des jours     1999 Un temps immobile     2000 Marseille    

Articoli, Saggi, Prefazioni, etc. 1972 “Stendhal” in Revue Europe     1972 “Gloire à Molière” in Revue Europe     1987 La ville la nuit     1982 Revue Orion     1993 Ah! Les jolis voyages…     1995 Noces d’or     1996 Les Treize morts d’Albert Ayler     1996 Maurin des Maures [1]     1997 C’est la rentrée!     1997 13 rue Saltalamacchia     1998 Y a pas péno     1998 Méditerranées     1998 Fromages fermiers [1]     2000 La Méditerranée française [1]     2000 Je t’écris de mémoires, du bon usage de la réalité     2000 Marseille, le guide Autrement    

Testi teatrali 1971 Liberez Angela Davis     1978 Allô Paris     1989 La révolution revit à Septèmes    

Sceneggiature 1987 Les matins chagrins     198? Une mort olympique [2]     ???? Lou Andrea Salomé [3]     ???? Blokhaus [3]    

Testi di Canzoni 1992 “Nighthawks” in “Enfin seul” di Jean-Guy Coulange   2000 Plage du Prophète in “Valse d’un jour” di Gian MariaTesta  
[1] Prefazione [2] Realizzata con Manuel Vasquez Montalban [3] Non realizzata

Barbara Garlaschelli

Barbara Garlaschelli [Milano, 1965 – ]
1995 O ridere o morire (racconti) Marcos y Marcos1996 Ladri e barattoli   Marcos y Marcos1997 Quando la paura chiama   EL – I corti1998 L’ultima estate   EL – I corti1998 Tre amiche e una farfalla   EL – Frontiere1998 Nemiche   Frassinelli1999 Marta nelle onde   EL – Frontiere2000 Davi’   EL – Frontiere2000 La mappa del male (con Nicoletta Vallorani) Walt Disney2000 Il pelago nell’uovo (racconti) Mobydick2001 Sirena – Mezzo pesante in movimento   Mobydick2001 Nessuna lezione d’amore   EL – Frontiere2002 Alice nell’ombra   Frassinelli

Racconti1996 Loraine online nel sito Incubatoio 16  1997 Prima della rivolta in “Tutti i denti del mostro sono perfetti” Mondadori – Urania1998 Dentro i colori in “A. Rivista Anarchica 245” Editrice A1999 Conversazione in “Il Galateo del Telefonino” Mobydick1999 Gemelli in “Delitti sotto l’albero” Todaro2000 Dissolvenza in “Capodanno nero” Todaro2001 Arriva la Befana in “Epifania di sangue” Todaro2001 Scarti in “Io, erotica” Fanucci2002 Per tutta la vita? in “Innamorati da morire” Todaro2002 L’odore del tempo online nel sito I pinguini nel sottoscala  2003 Comparse in “Non siamo stati noi” Carabā

Cronologia delle storie di Dick Tracy firmate da Chester Gould

Le storie di Gould hanno una “continuity” che rende spesso difficile, oltre che arbitrario, separarle l’una dall’altra. Spesso una storia incomincia prima che l’altra sia finita, alcuni personaggi ritornano a distanza di anni, ci sono “situazioni cuscinetto” più o meno lunghe, di solito in corrispondenza con una tavola domenicale, o con le feste di Natale e di fine anno.
Dovendo comunque optare per un criterio, ancorchè arbitrario, si è deciso di separare le storie in base al “villain” che ne è il protagonista principale. Tutti i nomi dei “villains” sono sottolineati. Tutti i nomi sono in lingua originale; di quelli più noti in Italia si è data anche la traduzione italiana. Le date d’inizio, per quanto detto sopra, sono convenzionali, e possono essere spostate avanti o indietro di qualche giorno. *In corsivo le edizioni italiane (non di rado tagliate e reimpaginate). *Riferimenti bibliografici in coda.
04-10-1931 Pinkie (accoltellatore)
* Prima comparsa di DT
* TD autoconclusiva
* Sansoni 1970, Mond 1973, ML 1975, Dick Tracy 1 (1994) 12-10-1931 Big Boy (capobanda, rapinatore e rapitore) e Texie Garcia
* Compaiono Chief Brandon, Pat Patton e Tess Trueheart
* La banda delle buste-paga
* Mond 1973, ML 1975, Dick Tracy 1-2 (1994-95)   22-02-1932 Broadway Bates & Belle (truffatori e ricattatori)
* Dick Tracy 3 (1995) 11-04-1932 * Ritorna Big Boy
* Il rapimento del piccolo Waldorf
* Quella del 29-05 è la prima TD integrata con le SG
* Dick Tracy 3 (1995) 30-05-1932 Alec Penn (alias Count Gordon) (falsario di buoni del tesoro)
* Dick Tracy 3-4-5 (1995) 01-08-1932 Kenneth Grebb (playboy e ricattatore)
* Devil’s Island
* Ritorna Broadway Bates
* Dick Tracy 5 (1995) 08-09-1932 Steve “The Tramp” Brogan (ladro e padre adottivo di Junior)
* Compare Junior
* Mond 1973 13-10-1932 Dan Mucelli “The Squealer” (spacciatore di droga)
* Ritorna Texie Garcia 28-11-1932 Larceny Lou (regina dei ladri d’auto)   02-01-1933 “Stooge” Viller (re dei borsaioli) e sua sorella Maxine 02-03-1933 * Ritorna Steve “the Tramp”
* Ritrovamento e morte del padre di Junior 03-08-1933 Old Mike “the Smuggler” (importatore di droga)
* Rapimento di Tess 11-09-1933 Boss Jim Herrod (racketer dei protettori) 13-10-1933 * Ritorna Big Boy 09-11-1933 “Truffa” Dolan
* contro Junior 09-12-0933 Jimmy White (capo di una gang minorile)
* Il club dei 25 contro Junior
* Compare Jean Penfield (scrittrice)   25-02-1934 Giorgio Spaldoni (avvocato di Big Boy e assassino di Jean Penfield) 07-05-1934 Doc Hump (scienziato criminale)
* Ritornano Steve “the Tramp” e Larceny Lou
* Compare Mary Steele (madre di Junior) 01-11-1934 Boris & Zora Arson (fratello e sorella, dinamitardi)   24-05-1935 “Bookie” Joe (Joe Scommessa) (biscazziere)
* Compare Toby Townley (cassiera)
* Mago 55-56 (1976) 04-08-1935 * Il caso Toby Townley
* Mago 65 (1977) 26-09-1935 “Cut” Famon (“Tangente” Famon) (racketeer)
* Compare Jim Trailer (poliziotto)
* Mago 68-69 (1977)   27-02-1936 “Lips” Manlis (“Labbra” Manlis) (giocatore)
* Mago 73 (1978) 12-05-1936 Mimi (Mimì) (incendiaria)
Toyee (cinese)
* Mago 81-82 (1978-79) 21-09-1936 Purple Cross Gang (banda di ladri mascherati)
* Composta da Maylie, Shirtsleeve Kelton, Baldy Stark   08-03-1937 * Il caso Mintworth 07-10-1937 The Blank (Senzafaccia) (alias Frank Redrum)
* ML 1975   07-01-1938 Stud Bronzen
* Cinesi trafficanti di uomini 10-05-1938 Johnny Ramm (socio di Brozen)
* Racket dei protettori dei negozianti 09-07-1938 Jojo Nidle (svaligiatore di treni) 09-09-1938 Karpse (spia, mercante d’armi e avvelenatore) & Marro
Doc (direttore fabbrica gas asfissianti per conto di Karpse) 06-12-1938 Rono “Nails” Wolley (ladro di diamanti)
* La casa di cura di “Pop” Gainer   11-03-1939 Scardol
* Compare Mickey Gainer 04-04-1939 Whip Chute
* Compare Mitzi Gainer
* Il caso dei principi di Bovania 05-07-1939 Nuremoh (ex-giocatore di baseball e assassino di sua zia; marito di Tess per poche ore) e John Lavir 27-09-1939 Mr. Natnus (re delle pellicce) 25-10-1939 Prof. Emirc (inventore criminale)
* Ritorna “Stooge” Viller   10-01-1940 Mr. Kroiwen 11-03-1940 Mason (industriale e assassino del proprio socio)
Junk Doolb (“Rottame” Doolb) (capobanda)
* Compare Mary X
* ML 1975 21-04-1940 Jerome Midget (nano, assassino, capobanda, avvocato di Doolb) &
Mamma (mangiatrice di cioccolatini) (Jerome Nano e Mammà)
* Mond 1973, ML 1975 14-07-1940 Yogee Yamma (cartomante-mago) 18-09-1940 Pearl Erad (Perla Nera) (spia) 04-10-1940 Deafy Sweetfellow (capo di una banda di ladri di biciclette)
* L’”Anonima Omicidi” 10-12-1940 Krome (uccide con i giocattoli)   25-02-1941 Selbert Depool (assassino di suo zio Angus)
* Compare mr. Ferrett (capo della polizia di Georgetown)
* Dick Tracy 1 (1994) 17-05-1941 Trigger Doom (racketeer) e Ginger Ferrett (figlia di mr. Ferrett)
Mike Rennis, detto “lo Zar” (boss delle macchinette del gioco d’azzardo e capo di Trigger)
* Dick Tracy 2 (1995) 13-07-1941 “Little Face” Finny (capo di una banda di rapinatori)
* ML 1975, Dick Tracy 2 (1995) 17-09-1941 * Ritorna Steve “the Tramp”
Duke (rapinatore) e Sugar (sua complice)
The Mole (“La Talpa”) (criminale che vive nel sottosuolo)
* ML 1975, Dick Tracy 3 (1995) 26-12-1941 Jacques (ricattatore e proprietario di night)
* Compaiono Bea Thorndike (miliardaria) e sua nipote Debby
(presunta moglie di Jacques)
* Mago 17 (1973), Mond 1978, Dick Tracy 4 (1995)   29-01-1942 B. B. Eyes (ladro e borsaro nero di pneumatici; fratello di Jacques)
* Mago 18-19 (1973), ML 1975, Mond 1978, Dick Tracy 4 (1995) 19-04-1942 Yollman (attore teatrale) e Clarke Van Dike (sua controfigura)
* Mago 21-22 (1973), Mond 1978, Dick Tracy 5 (1995) 14-06-1942 Amard (critico teatrale e discografico)
* Mago 23 (1974) 08-07-1942 Tiger Lily (“Tigre”) (bidonista)
* Compare Frizzletop (Ricciutella)
* Mago 24-25 (1974) 24-09-1942 Pruneface (Faccia di prugna) (sabotatore)
* Mago 26-27-28 (1974)   04-02-1943 Nifty (rapitore del proprio figlio)
* Il caso del piccolo Johnny
* Mago 29-30 (1974) 15-04-1943 88 Keyes (88 tasti) (pianista omicida)
* Mago 31-32 (1974), ML 1975 15-07-1943 Mrs. Pruneface (Madama)
* La vedova di Pruneface
* Mago 33-34 (1974-75) 01-10-1943 “Laffy” Smith (Sghignazzo Smith) (spacciatore di droga)
* Mago 35-36 (1975) 21-12-1943 Flattop (Testapiatta) (killer)
* Compare Vitamin Flintheart (attore)
* Robinson 1945, Mond 1973, Mago 37-38-39-40 (1975), ML 1975   21-05-1944 The Brow (Ruga) (spia internazionale)
* Compaiono le Summer Sisters (Sorelle Primavera)
* Compare Gravel Gertie
* Prima storia completa di DT pubblicata in Italia
* Robinson 1945-46, Cost 1946, Linusilrosso 1968, ML 1975, Mago 41-42-43 (1975) 28-09-1944 Shakey (Trémito) (ricattatore)
* Compare Snowflake Falls (“Fiocco-di-neve” Falls)
* Robinson 1946, Cost 1946, Sugar 1974, Mago 44-45-46-47-48 (1975-76 16-12-1944 * Matrimonio di Vitamin Flintheart con Snowflake Falls   21-01-1945 Measles (Morbillo) (trafficante di droga)
* Robinson 1946-47, Mago 49-50-51-52-53-54 (1976) 11-05-1945 Breathless Mahoney (“Senzafiato” Mahoney) (figliastra di Shakey e assassina di sua madre)
* Compare B. O. Plenty
* ML 1975 11-09-1945 “Itchy” Oliver (Prurito) (racketeer) 25-12-1945 Irma (scienziata omicida) e suo figlio Brilliant
* Compare Diet Smith (Dieta Smith) (industriale, miliardario e inventore)
* Compare la ricetrasmittente da polso   24-03-1946 Nilon Hoze (imbrogliona omicida) e suo cugino Rod Hoze 05-06-1946 Shoulders (capo di una gang di borsaioli) 01-08-1946 * Matrimonio di B. O. Plenty con Gravel Gertie 30-08-1946 Gargles 15-11-1946 Influence (ipnotizzatore e assassino) + Misty Waters   06-03-1947 Hypo (fotografo) 30-04-1947 * Compaiono i “Crimestoppers” (gruppo di ragazzi che aiutano la polizia, guidati da Junior)
* Il caso del ladruncolo Bronko 27-05-1947 * Nasce Sparkle Plenty da B. O. Plenty e Gertie Gravel
* Il caso dei soldi scomparsi di B. O. Plenty 10-07-1947 Coffyhead (capo di gang giovanili) e Autumn Hews (sua complice)
* Ritornano i “Crimestoppers” 16-10-1947 Mumbles (Borbottìo) (cantante, ladro, assassino)
* ML 1975 11-12-1947 * Ritorna Shoulders   26-02-1948 Mrs. Volts (capo di una banda di rapinatori di materiale elettrico) 01-05-1948 Brier Volts (fumatore di pipa, nipote di Mr. Volts)
* Compare Acres O’ Riley (taxista gigantesca) 25-06-1948 Heels Beals (nano falsario) 16-09-1948 Big Frost (condanna a morte sua figlia)
* Chief Brandon dà le dimissioni; lo sostituisce Pat Patton
* Compare Sam Catchem, che sostituisce Pat Patton   01-01-1949 Sleet
* Ritornano i Crimestoppers 06-04-1949 Pearshape (assassino, ladro di gioielli)
* Compare il cane Muggs
* ML 1975 05-07-1949 Sketch Paree (designer, soffoca le vittime con una maschera)
* Ritornano B.O. e Sparkle Plenty 26-09-1949 Mousey Rattner (ladra, ammaestratrice di topi bianchi) e Papà Ratter 24-12-1949 * Dick Tracy sposa Tess Trueheart 30-12-1949 Wormy Marrons (assassino)
* La voce dell’amore
* Prima storia di DT pubblicata in Italia dall’immediato dopoguerra
* Linus 3-4 (1965), Mond 1969   27-03-1950 Blowtop (fratello di Flattop)
* Ritorna Vitamin Flintheart
* Almanacco Linus 1965 13-07-1950 T.V. Wiggles (racketeer delle concessioni TV)
* Ritorna Sparkle Plenty
* Linus 16-17-18-19 (1966) 03-12-1950 Dr. Plain (assassino con lanciafiamme)
* Alibaba 0 (1967), Sansoni 1970   06-02-1951 Empty (“Vuoto”) (ladro di “container”)
* Alibaba 1 (1968) 04-05-1951 Nasce la figlia di DT e Tess, Bonnie Braids (Bonny Treccina)
* Alibaba 1 (1968) 16-05-1951 Crewy Lou (Lou Spazzola) & Sphinx (Sfinge) (fotografi e rapinatori)
* Skylinus (1969) 12-11-1951 Spinner Record (ladro di cassette di sicurezza)
* Linus 52 (1969)   24-01-1952 Larry (scassinatore di parchimetri)
* Model, il grande amore di Junior
* Almanacco Linus 1970 28-03-1952 Tonsils (Tonsille) (rapinatore e cantante) + Dude (suo agente e killer)
* Compare Dot View (presentatrice TV)
* Almanacco Linus 1970 27-04-1952 Mr. Crime (super-criminale) e Newsuit Nan (sua complice)
* Almanacco Linus 1970   19-01-1953 Odds Zonn
* Compare Little Wingy, poi adottata dai Plenty 12-06-1953 * Compare Kincaid “Canhead” Plenty (fratello di B.O. Plenty)
* Starlinus 1973 06-07-1953 3-D Magee (contrabbandiere di formiche) & Pony (ricattatori)
* Pony è la ex-moglie di “zio Kincaid”
* Alterlinus 1-2-3-4 (1974)   17-01-1954 Dewdrop (assassina di suo padre) & suo marito Sticks (batterista)
* Alterlinus 5 (1974)
Open Mind Monty (fratello di Sticks e capobanda)
* Il caso del bambino nell’albero
* Alterlinus 6 (1974) 17-07-1954 Rughead (Pelosetto) (ladro di pellicce)
* Compare Rainbow Reilly (ragazza cieca)
* Ritorna Diet Smith
* Alterlinus 7-8-9-10 (1974)   18-03-1955 George Ozone (Mr. Ozono) & Cinn Ozone (assassina)
Mambo
* Alterlinus 11-12-1 (1974-75) 03-08-1955 Oodles (assassino del marito di Granna Honey) (“Grosso”) &
Nothing Yonson (Niente)
* Il caso dell’uomo cementato nell’arcata del ponte
* Compare Lizz (fotoreporter, poi poliziotta)
* Alterlinus 2-3-4 (1975)   01-01-1956 Joe Period (giovane delinquente) e Flattop Jr. (figlio di Flattop) * Compare Skinny (modella)
* Alterlinus 5-6-7 (1975) 30-09-1656 Ivy (falsario)
* Compare la piccola Spec
* Alterlinus 8 (1975) 24-12-1956 The Kitten Sisters (acrobate criminali)
* Alterlinus 10 (1975)   10-04-1957 The Clipso Brothers (I fratelli Clipso)
* Compare Morin Plenty (“Tacchi” Plenty), padre di B. O. Plenty
* Alterlinus 12-1 (1975-76) 05-09-1957 Elsa Crystal (la “refrigeratrice”, assassina di suo marito)
* Alteralter 12 (1977) 15-12-1957 Pantsy
* Il caso del disco “Pretty Baby”
* Alteralter 2 (1978)   18-03-1958 Miss Egghead , Cicory (allevatore cubano di galli da combattimento) e The Dropper
* Compaiono Wunbrow ( poliziotto cubano) e John Whitehall (ispettore di Scotland Yard)
* Alteralter 8-9-10-11 (1978) 26-12-1958 Headache (assassino con emicranie) e Popsie (sua compagna)   ??-??-1959 E. Kent Hardly
Rhodent (assassino con faccia da roditore)
Willie the Fifth (Willie Quinto)
Flyface (giurista e sfruttatore)   ??-??-1960 Spots (criminale con disturbi alla vista)
Fresh & Burpie Upp
* Compare Little Boy Beard   ??-??-1961 Aunt Soso
Tarter Soss
“Happy” Voten
Trusty Hubbub
Mona the Mouthpiece
* Ricompare (e muore) Mary Steele   ??-??-1962 Brush alias Jockie Lyceum (truffatore)
The 52’s
* Ritorna Diet Smith   ??-??-1963 Uncle Punky (gangster) & Mrs. Peek (ex ladra di gioielli)
Thistle Dew (nipote di Uncle Punky)
The Pallette Twins (falsari e trafficanti di droga)
Olga (direttrice di clinica chirurgica clandestina) e Smallmouth Bass 29-12-1963 * Compare Moon Maid (Lunella)
* Ritorna Diet Smith
* Compare il Governatore della Luna
* Linus 64-65-66-67-68-69 (1970)   24-04-1964 * Compare la ricetrasmittente TV da polso
* Linus 67 (1970) 17-05-1964 Anticipazioni del “caso” seguente
* Linus 69 (1970) 05-07-1964 * Il caso dello scheletro nell’albero
* Mr. Jade (autore della strip “Segatura”) e il suo vecchissimo padre
* Il Governatore della Luna viene sulla Terra
* Linus 70-71-72 (1971) ??-??-1964 * Junior e Moon Maid si sposano 16-10-1964 Eric von Rhino (spia e scienziato nazista)
* Il caso Lita Flite
* Compare il dottor Ludwick Frost
* Pasqualinus 1972   19-01-1965 Matty Square (capobanda)
* Il mistero del lanciafiamme (Moon Maid)
* Ritorna Mr. Jade
* Compaiono già Nah-Tay e Bribery
* Relinus 1972 + Playlinus 1972 + Linusmat 1973 09-08-1965 Nah-Tay (indio e riduttore di teste)
Mr. Bribery (finanziere, già capo di Matty Square)
* Alterlinus 6-7-8-9-10-11 (1976) ??-09-1965 * Nasce Honeymoon (figlia di Junior e di Moom Maid)   27-03-1966 Ugly Christine (sorella di Mr. Bribery)
* Alteralter 2-3-4-5-6-7-8-9 (1977) 31-10-1966 Haf & Haf   ??-??-1967 The Chin Chillars
Piggy   ??-??-1968 Purdy Fallar
Posey   ??-??-1969 Hy Jacky
Vera Alldid
Mr. Litter ??-09-1969 Scorpio (astrologo)
Two-Finger   ??-08-1970 Diamonds e “The Doll”, alias Gigi Spik
* Compaiono Groovy Grove (poliziotto), sua figlia Tinky e il cane Stony ??-12-1970 The Pouch (ex- uomo cannone di circo)   07-03-1971 Molene, nipote di “The Mole” (ladra di gioielli e complice di The Pouch)
* Ritorna The Mole (“La Talpa”, 1941) 19-04-1971 Jonny Scorn (ricettatore di argenti e gioielli e proprietario di cava)
* El Tigress (rivoluzionaria)   ??-??-1972 ???   27-05-1973 Peanut Butter
The Button (“Ombelico”) (evaso e rapitore di un ragazzino)
* Compare Hopelezz (sorella di The Button)
* Linus 113-114-115 (1974) 26-09-1973 Mr. Pike & Smelt (incendiari) 28-11-1973 “Keeno” (lanciatore di coltelli)
Miss Rinkles   15-04-1974 Big Brass (TV bootlegger) 08-09-1974 “The Brain”   13-02-1975 Z. Z. Welz (maniaco telefonico) ??-??-1975 Chilly Hill
Hairy
Le Maude   ??-??-1976 Bulky ??-01-1976 Lipsy (capo di gang di rapinatrici di banca)
Puckerpuss ??-06-1976 * Compaiono The Gallstones (gruppo musicale)
Bolo
Big Charley
Perfume   ??-??-1977 Leyden Aigg
Zero Nought 07-08-1977 Dade Plenty (designer di moda)
* Compare Perfume Plenty (cugina di Dade)

Il 24 dicembre 1977 termina l’opera di Chester Gould. Subentrano Rick Fletcher e Max Allan Collins.

Twenty Rules

Twenty Rules for Writing Detective Stories (1928)

The detective story is a kind of intellectual game. It is more–it is a sporting event. And for the writing of detective stories there are very definite laws–unwritten, perhaps, but none the less binding; and every respectable and self-respecting concocter of literary mysteries lives up to them. Herewith, then, is a sort of Credo, based partly on the practice of all the great writers of detective stories, and partly on the promptings of the honest author’s inner conscience.

To wit:
1 The reader must have equal opportunity with the detective for solving the mystery. All clues must be plainly stated and described. 2 No willful tricks or deceptions may be placed on the reader other than those played legitimately by the criminal on the detective himself. 3 There must be no love interest. The business in hand is to bring a criminal to the bar of justice, not to bring a lovelorn couple to the hymeneal altar. 4 The detective himself, or one of the official investigators, should never turn out to be the culprit. This is bald trickery, on a par with offering some one a bright penny for a five-dollar gold piece. It’s false pretenses. 5 The culprit must be determined by logical deductions–not by accident or coincidence or unmotivated confession. To solve a criminal problem in this latter fashion is like sending the reader on a deliberate wild-goose chase, and then telling him, after he has failed, that you had the object of his search up your sleeve all the time. Such an author is no better than a practical joker. 6 The detective novel must have a detective in it; and a detective is not a detective unless he detects. His function is to gather clues that will eventually lead to the person who did the dirty work in the first chapter; and if the detective does not reach his conclusions through an analysis of those clues, he has no more solved his problem than the schoolboy who gets his answer out of the back of the arithmetic. 7 There simply must be a corpse in a detective novel, and the deader the corpse the better. No lesser crime than murder will suffice. Three hundred pages is far too much pother for a crime other than murder. After all, the reader’s trouble and expenditure of energy must be rewarded. 8 The problem of the crime must he solved by strictly naturalistic means. Such methods for learning the truth as slate-writing, ouija-boards, mind-reading, spiritualistic se’ances, crystal-gazing, and the like, are taboo. A reader has a chance when matching his wits with a rationalistic detective, but if he must compete with the world of spirits and go chasing about the fourth dimension of metaphysics, he is defeated ab initio. 9 There must be but one detective–that is, but one protagonist of deduction–one deus ex machina. To bring the minds of three or four, or sometimes a gang of detectives to bear on a problem, is not only to disperse the interest and break the direct thread of logic, but to take an unfair advantage of the reader. If there is more than one detective the reader doesn’t know who his codeductor is. It’s like making the reader run a race with a relay team. 10 The culprit must turn out to be a person who has played a more or less prominent part in the story–that is, a person with whom the reader is familiar and in whom he takes an interest. 11 A servant must not be chosen by the author as the culprit. This is begging a noble question. It is a too easy solution. The culprit must be a decidedly worth-while person–one that wouldn’t ordinarily come under suspicion. 12 There must be but one culprit, no matter how many murders are committed. The culprit may, of course, have a minor helper or co-plotter; but the entire onus must rest on one pair of shoulders: the entire indignation of the reader must be permitted to concentrate on a single black nature. 13 Secret societies, camorras, mafias, et al., have no place in a detective story. A fascinating and truly beautiful murder is irremediably spoiled by any such wholesale culpability. To be sure, the murderer in a detective novel should be given a sporting chance; but it is going too far to grant him a secret society to fall back on. No high-class, self-respecting murderer would want such odds. 14 The method of murder, and the means of detecting it, must be be rational and scientific. That is to say, pseudo-science and purely imaginative and speculative devices are not to be tolerated in the roman policier. Once an author soars into the realm of fantasy, in the Jules Verne manner, he is outside the bounds of detective fiction, cavorting in the uncharted reaches of adventure. 15 The truth of the problem must at all times be apparent–provided the reader is shrewd enough to see it. By this I mean that if the reader, after learning the explanation for the crime, should reread the book, he would see that the solution had, in a sense, been staring him in the face-that all the clues really pointed to the culprit–and that, if he had been as clever as the detective, he could have solved the mystery himself without going on to the final chapter. That the clever reader does often thus solve the problem goes without saying. 16 A detective novel should contain no long descriptive passages, no literary dallying with side-issues, no subtly worked-out character analyses, no “atmospheric” preoccupations. such matters have no vital place in a record of crime and deduction. They hold up the action and introduce issues irrelevant to the main purpose, which is to state a problem, analyze it, and bring it to a successful conclusion. To be sure, there must be a sufficient descriptiveness and character delineation to give the novel verisimilitude. 17 A professional criminal must never be shouldered with the guilt of a crime in a detective story. Crimes by housebreakers and bandits are the province of the police departments–not of authors and brilliant amateur detectives. A really fascinating crime is one committed by a pillar of a church, or a spinster noted for her charities. 18 A crime in a detective story must never turn out to be an accident or a suicide. To end an odyssey of sleuthing with such an anti-climax is to hoodwink the trusting and kind-hearted reader. 19 The motives for all crimes in detective stories should be personal. International plottings and war politics belong in a different category of fiction–in secret-service tales, for instance. But a murder story must be kept gemütlich, so to speak. It must reflect the reader’s everyday experiences, and give him a certain outlet for his own repressed desires and emotions. 20 And (to give my Credo an even score of items) I herewith list a few of the devices which no self-respecting detective story writer will now avail himself of. They have been employed too often, and are familiar to all true lovers of literary crime. To use them is a confession of the author’s ineptitude and lack of originality. a) Determining the identity of the culprit by comparing the butt of a cigarette left at the scene of the crime with the brand smoked by a suspect. b) The bogus spiritualistic se’ance to frighten the culprit into giving himself away. c) Forged fingerprints. d) The dummy-figure alibi. e) The dog that does not bark and thereby reveals the fact that the intruder is familiar. f) The final pinning of the crime on a twin, or a relative who looks exactly like the suspected, but innocent, person. g) The hypodermic syringe and the knockout drops. h) The commission of the murder in a locked room after the police have actually broken in. i) The word association test for guilt. j) The cipher, or code letter, which is eventually unraveled by the sleuth.

Venti regole per scrivere romanzi polizieschi (1928)

Il romanzo poliziesco è un tipo di gioco intellettuale. Anzi, è qualcosa di più – una gara sportiva. Ed esistono leggi ben precise che governano la scrittura di romanzi polizieschi: leggi non scritte, forse, ma ugualmente vincolanti, con le quali si deve misurare ogni rispettabile inventore di misteri letterari che sia anche onesto con se stesso. Ecco di seguito, quindi, una sorta di Credo, basato in parte sull’esperienza di tutti i grandi autori di romanzi polizieschi e in parte sulle sollecitazioni della coscienza dell’autore onesto. Vale a dire:
1 Il lettore deve avere le stesse opportunità del detective di risolvere il mistero. Tutti gli indizi devono essere presentati e descritti con chiarezza. 2 Al lettore non possono essere rifilati altri trucchi o inganni oltre a quelli con i quali il criminale tenta legittimamente di buggerare il detective. 3 Non dev’essere posta eccessiva enfasi sull’elemento amoroso. Lo scopo è quello di assicurare un criminale alla giustizia, non quello di condurre una coppia innamorata all’altare. 4 Nè il detective né uno degli investigatori ufficiali possono risultare colpevoli. Questo vuol dire giocare sporco; è come offrire a qualcuno una moneta da un centesimo in cambio di cinque dollari d’oro. E’ frode bella e buona. 5 Al colpevole si deve arrivare attraverso deduzioni basate sulla logica, non per caso o coincidenza o confessione senza motivo. Risolvere un problema di detection in questo modo equivale a spedire deliberatamente il lettore su di una falsa pista e poi dirgli, dopo che è tornato con le pive nel sacco, che la cosa che lo avevate mandato a cercare ce l’avevate nascosta voi nella manica fin dall’inizio. Un autore di questa fatta è poco più di un buffone. 6 Nel romanzo poliziesco ci deve essere un investigatore; e un investigatore non può dirsi tale se non indaga. La sua funzione è quella di raccogliere gli indizi che, in fondo al libro, condurranno all’identità di colui che ha commesso il crimine di cui al primo capitolo; e se l’investigatore non arriva alle sue conclusioni grazie all’analisi di codesti indizi, non ha risolto il suo problema alla stessa stregua dello scolaro che copia il compito di aritmetica. 7 Ci dev’essere un cadavere nel romanzo poliziesco, e più è cadavere meglio è. Nessun reato minore dell’assassinio può essere considerato sufficiente. Trecento pagine sono troppe per un reato diverso dall’assassinio. Dopo tutto, la fatica e lo sforzo del lettore devono essere ricompensati. 8 Il problema presentato dal delitto dev’essere risolto con metodi rigorosamente scientifici. Metodi di scoperta della verità che si basano su lavagnette e tavolette parlanti, lettura del pensiero, sedute spiritiche, sfere di cristallo e simili, sono assolutamente vietati. Un lettore può competere con un detective raziocinante, ma se deve gareggiare col mondo degli spiriti e rincorrere la quarta dimensione della metafisica, allora è battuto in partenza. 9 Ci dev’essere un solo investigatore autorizzato a trarre le conclusioni, un solo deus ex machina. Impiegare i cervelli di tre o quattro o un’intera banda di investigatori per trovare la soluzione al problema, non solo disperde l’interesse e spezza il filo della logica, ma dà all’autore un vantaggio scorretto sul lettore. Se c’è più di un investigatore, allora il lettore non è più in grado di distinguere chi è il suo avversario. Gli tocca correre da solo contro una staffetta. 10 Il colpevole deve essere una persona che ha avuto un ruolo più o meno significativo nella vicenda; ovvero, una persona che è divenuta familiare al lettore e per la quale egli ha provato interesse. 11 Il colpevole non deve essere scelto tra il personale di servizio. E’ assolutamente una questione di principio. E’ una soluzione troppo semplicistica. Il colpevole deve essere una persona che ha giocato un ruolo significativo, una persona della quale non si dovrebbe sospettare. 12 Ci deve essere un solo colpevole, al di là del numero degli assassinii. E’ ovvio che il colpevole può essersi servito di complici o aiutanti, ma la colpa e l’indignazione del lettore devono cadere su una sola ed unica anima nera. 13 Società segrete, camorra, mafia e così via non hanno spazio in un romanzo poliziesco. Un assassinio affascinante e ben riuscito è guastato senza remissione da una colpevolezza all’ingrosso. E’ certo che anche all’assassino debba essere offerta una scappatoia, ma concedergli addirittura una società segreta con cui spartire le colpe è un po’ troppo. Nessun assassino di classe e consapevole dei propri mezzi accetterebbe di giocare contro queste probabilità. 14 I metodi impiegati nell’assassinio, e i sistemi usati per scoprirlo, devono essere razionali e scientifici. Vale a dire, la pseudo scienza e i congegni di pura e semplice immaginazione non possono essere tollerati in un romanzo poliziesco. Una volta che l’autore è partito verso il regno della fantasia, alla maniera di Jules Verne, si è posto definitivamente fuori dai confini della narrativa poliziesca e si è messo a fare capriole in una zona dell’avventura che non è segnata sulle carte geografiche. 15 La rivelazione del problema deve essere sempre evidente, ammesso che il lettore sia abbastanza sveglio da individuarla. Con questo intendo che se il lettore, appresa la spiegazione del crimine, decide di rileggersi il libro da capo, deve accorgersi che, in un certo senso, la soluzione giusta era sempre stata lì, a portata di mano, che tutti gli indizi portavano al colpevole e che, se solo fosse stato asuto come l’investinatore, anche lui avrebbe potuto risolvere il mistero prima dell’ultimo capitolo. Va da sé che il lettore intelligente risolve spesso l’enigma in questo modo. 16 Un romanzo poliziesco non dovrebbe contenere descrizioni troppo lunghe, divaghazioni letterarie su argomenti secondari, studi di caratteri troppo insistiti, preoccupazioni di creare un’atmosfera: Questi elementi non hanno spazio in quello che sostanzialmente è il resoconto di un crimine e di una deduzione. Tali passaggi bloccano l’azione e introducono argomenti di scarso rilievo per l’obiettivo finale, che è quello di esporre un problema, analizzarlo e condurlo ad una conclusione soddisfacente. E’ chiaro, comunque, che ci debba essere sufficiente materia descrittiva e studio di carattere per dare verosimiglianza al romanzo. 17 Il colpevole di un romanzo poliziesco non deve mai essere un criminale di professione. Scassinatori e banditi appartengono alla pratica quotidiana dei dipartimenti di polizia, non degli autori e dei loro brillanti investigatori dilettanti. Un crimine davvero affascinante è quello commesso da un vero baciapile, o da una zitella dedita ad attività benefiche. 18 Un crimine, in un romanzo giallo, non può mai essere derubricato in incidente o suicidio. Far finire un’autentica odissea di detection in questo modo così banale significa voler infinocchiare a tutti i costi il fiducioso e gentile lettore. 19 I moventi dei crimini nei romanzi polizieschi devono essere esclusivamente personali. Complotti internazionali e azioni di guerra fanno parte di un’altra categoria di romanzi, quelli di spionaggio, ad esempio. Ma un romanzo giallo deve mantenere un carattere intimo, per così dire. Deve riflettere le esperienze quotidiane del lettore, ed offrire uno sfogo ai suoi desideri ed emozioni represse. 20 E, per dare al mio Credo un numero pari di regole, ecco una serie di stratagemmi che nessuno scrittore di gialli degno di questo nome potrà più permettersi di adoperare. Sono già stati troppo sfruttati, e sono molto familiari a tutti i cultori dei crimini di carta. Avvalersene equivale a confessare la propria incapacità e mancanza di originalità. a) Scoprire l’identità del colpevole mettendo a confronto la cicca di sigaretta trovata sulla scena del crimine con la marca fumata da un sospetto. b) La seduta spiritica fasulla che terrorizza il colpevole e lo spinge a confessare. c) Impronte digitali manipolate. d) L’alibi costruito mediante un fantoccio. e) Il cane che non abbaia e quindi rivela che l’intruso gli è familiare. f) L’attribuzione del crimine a un gemello, a un parente troppo somigliante al presunto colpevole. g) La siringa ipodermica e il sonnifero. h) L’assassinio commesso in una stanza chiusa, ma dopo che la polizia vi ha fatto irruzione. i) Il test delle associazioni di parole che indicano il colpevole. j) Il codice cifrato la cui soluzione viene alla fine trovata dall’investigatore.

“Io sono il tenebroso” di Fred Vargas

A differenza di come si potrebbe essere tentati Fred Vargas e` una donna. Il nome Fred e` il diminutivo di Frédérique e Vargas, come recita il risvolto della copertina, e` uno pseudonimo, un omaggio ad Ava Gardner nella Contessa scalza. L’autrice, archeologa e medievista e` nata nel 1957 a Parigi. Io sono il tenebroso e` il primo dei suoi romanzi polizieschi ad essere tradotto in Italia.
L’opera venne pubblicata in Francia nel 1997 e fu preceduta da ben altri cinque romanzi con medesime caratteristiche (Les jeux de l’amour et de la mort pubblicato nel 1986; L’homme aux cercles bleus, 1991; Ceux qui vont mourir te saluent, 1994; Debout les morts, V. Hamy, 1995; Un peu plus loin sur la droite, 1996). Successivamente a Io sono il tenebroso, nel 1999 l’autrice pubblicò L’homme à l’envers. Per questi suoi romanzi Vargas riscuote in Francia un gran successo ed e` annoverata tra gli autori del miglior noir francese.

La vicenda prende avvio dall’omicidio di due donne sole che vengono uccise vengono strangolate e trafitte a colpi di forbici a Parigi. La polizia e` alla ricerca di un uomo che è stato visto da molti testimoni a sorvegliare le vittime per poi intrappolarle con la scusa del dono di un vaso di felci. Il presunto assassino e` Clement, giovane sprovveduto e dotato di scarsa intelligenza che gira le strade di Parigi con una fisarmonica in spalla.
Braccato dalla polizia di Parigi, Clement cerca rifugio presso Marthe, una prostituta che molto tempo prima l’aveva seguito ed aiutato, quando, ancora bambino, era rimasto solo per la scomparsa della madre e il disinteresse del padre. Non sapendo come aiutare il suo protetto, Marthe cerca aiuto presso l’ex investigatore Louis Kehlweiler, che a sua volta si rivolge a tre studiosi di storia, Lucien Devernois, Marc Vandosleer, Mathias Delamarre. L’unica ad essere pienamente convinta dell’innocenza di Clement e` Marthe; gli altri all’inizio sono molto tiepidi ed iniziano ad indagare sugli omicidi solo per la profonda amicizia che li lega alla donna. Si convincono poco alla volta che qualcuno sta cercando di incastrare Clement e pertanto cercano nel suo passato qualche ragione che spieghi le recenti vicende.

Mi fermo qui, ovviamente per non privare i lettori del piacere di scoprire da soli lo svolgersi dei fatti. La lettura riserva sicuramente delle piacevoli sorprese. Le mie impressioni su Io sono il tenebroso sono certamente positive. Si tratta di un romanzo molto interessante, con una trama avvincente e priva di cadute ed una sapiente miscela di tensione emotiva e partecipata ironia che rendono la lettura scorrevole e divertente.

Patrick Quentin / Q.Patrick / Jonathan Stagge

Patrick Quentin / Q.Patrick / Jonathan Stagge sono gli pseudonimi impiegati da un team di quattro autori che, in epoche e combinazioni diverse, hanno collaborato tra di loro.
Nella bibliografia, dopo ogni romanzo sono indicate le sigle di chi, tra i quattro autori, ha materialmente scritto il romanzo. Tutte le opere posteriori al 1952, comunque, sono state scritte dal solo Hugh Callingham Wheeler.


  Richard Wilson Webb RWW 1901 – 1970   Martha Mott Kelley MMK     Mary Louise White Aswell MLA 1902 – 1984   Hugh Callingham Wheeler HCW 1912 – 1987

Patrick Quentin 1936 Puzzle for Fools Manicomio RWW & HCW CG 224 – GM 217 1938 Puzzle for Players Lo specchio stregato RWW & HCW CG 34 – GM 243 – CG 819 1944 Puzzle for Puppets Le rose volanti RWW & HCW CG 187 – GM 112 1945 Puzzle for Wantons
Slay the Loose Ladies La sorte sbagliò tre volte RWW & HCW CG 241 – GM 171 1946 Puzzle for Fiends
Love Is a Deadly Weapon Cerco me stesso RWW & HCW CG 97 – GM 91 1947 Puzzle for Pilgrims
The Fate of the Immodest Blonde Fiesta di morte RWW & HCW CG 354 – GM 139 1948 Run to Death Il pozzo dei sacrifici RWW & HCW CG 275 – GM 97 1946 The Follower Vacanze all’inferno RWW & HCW CG 13 – GM 405 1952 Black Widow
Fatal Woman Il segreto della morte
La vedova nera [condensato] RWW & HCW CG 334 – GM 233
Selezione, 1968 1954 My Son, the Murderer
The Wife of Ronald Sheldon Mio figlio, l’assassino HCW CG 379 – GM 353 1955 The Man with Two Wives E tutto finirà HCW CG 93 – GM 410 1956 The Man in the Net Il limite del furore HCW CG 162 – GM 438 1957 Suspicious Circumstances
Death and the Rising Star Da’ una spinta al destino HCW CG 260 – GM 535 1959 Shadow of Guilt Omicidio di gala HCW CG 128 – GM 565 1960 The Green-Eyed Monster Controcorrente HCW CG 390 – GM 647 1965 Family Skeletons Un velo sul passato HCW CG 461 – GM 921

Q. Patrick 1931 Cottage Sinister Morte nell’acqua verde
Tè e veleno RWW & MMK Nerbini, 1949
GM 1812 1932 Murder at the Women’s City Club
Death in the Dovecote Delitto al Club delle Donne RWW & MMK GM 1799 1933 Murder at Cambridge
Murder at Varsity  Prima che il Temporale Finisca RWW CG 777 Dramma Universitario GM 176 1933 S.S. Murder La morte giuoca a bridge
In crociera col delitto RWW & MLA Richter, 1951
GM 1829 1935 The Grindle Nightmare
Darker Grows the Valley Presagio di morte RWW & MLA CG 798 – GM 1472 1936 Death Goes to School La morte fa l’appello RWW & HCW CG 84 – GM 263 1937 Death for Dear Clara Il segreto della Grande Clara RWW & HCW CG 405 – GM 223 1937 The File on Fenton and Farr inedito in Italia RWW & HCW   1938 The File on Claudia Cragge Il caso Cragge RWW & HCW Mondadori  1939 Death and the Maiden Troppe lettere per Grace RWW & HCW CG 741 – GM 156 1941 Return to the Scene
Death in Bermuda La casa dell’uragano RWW & HCW CG 88 – GM 214 1952 Danger Next Door Soluzione estrema RWW & HCW CG 847 1952 The Girl on the Gallows (non fiction) HCW  

Jonathan Stagge (RWW & HCW) 1936 Dogs Do Bark
Murder Gone to Earth E i cani abbaiano CG 86 – GM 377 1938 Murder by Prescription
Murder or Mercy La buona morte GM 184 1939 The Stars Spell Death
Murder in the Stars Scritto tra gli astri CG 301 – GM 123 1940 Turn of the Table
Funeral for Five Se ci sei, batti un colpo CG 424 – GM 128 1942 The Yellow Taxi
Call a Hearse Chiamate un carro funebre CG 447 – GM 22 1943 The Scarlet Circle
Light from a Lantern Tre cerchi rossi CG 384 – GM 106 1945 Death, My Darling Daughters
Death and the Dear Girls Quelle care figliole CG 662 – GM 80 1946 Death’s Old Sweet Song Antico canto di morte
Dolce, vecchia canzone di morte Garzanti, 1950 – CG 206 1949 The Three Fears Le tre paure CG 675 – GM 141

Racconti 1961 The Ordeal of Mrs Snow and Other Stories contiene:     The Ordeal of Mrs. Snow       A Boy’s Will       Portrait of a Murderer Tre delitti quasi perfetti EG 1965   Little Boy Lost       Witness for the Prosecution Testimone per l’accusa REQ 2, 1956   The Pigeon Woman La donna dei piccioni GEQ 35, 1952   All the Way to the Moon       Mother, May I Go out to Swim?       Thou, Lord, Seest Me       Mrs. Appleby’s Bear       Love Comes to Miss Lucy La signorina Lucy si innamora in “25 racconti del terrore vietati alla TV”, a cura di Alfred Hitchcock (Garzanti)   This Will Kill You    

Racconti sparsi 1937 Murder on New Year’s Eve Morte a fine d’anno EG 1971 1940 Another Man’s Poison Patto di morte AG 1975 1941 Death Rides the Ski-Tow     1941 Murder with Flowers     1943 The Last of Mrs Maybrick La fine della signora Maybrick “L’età d’oro del crimine”, Anabasi 1946 The Plaster Cat     1946 White Carnations     1946 Puzzle for Poppy L’eredità di Poppy NG 1965 1947 This Way Out     1948 The Corpse in the Closet     1948 Farewell Performance     1949 The Jack of Diamonds Il fante di denari PG 1975 1949 Murder in One Scene     1950 Mrs. B’s Black Sheep Il nemico invisibile EG 1976 1951 Girl Overboard     1951 Death Fright     1951 Who Killed the Mermaid?     1952 Town Blonde, Country Blonde     1952 This Looks Like Murder     1952 Death on the Riviera     1953 Death on Saturday Night     1953 Woman of Ice     1953 The Laughing Man     1953 The Hated Woman     1953 The Red Balloon     1954 The Glamorous Opening     1954 Death and Canasta     1954 The Predestined     1955 Death Before Breakfast     1956 On the Day of the Rose Show     1956 Going, Going, Gone!     1957 Murder in the Alps     1958 Lioness vs. Panther    

Ross Macdonald / Kenneth Millar

Ross Macdonald / Kenneth Millar [Los Gatos (California, USA), 13/12/1915 – Santa Barbara (California, USA), 11/07/1983]


Romanzi con Lew Archer 1949 The Moving Target Bersaglio mobile GM 22, CG 226 1950 The Drowning Pool Il vortice GM 260, OG 9 1951 The Way Some People Die Non piangete per chi ha ucciso GM 252 1952 The Ivory Grin Il ghigno d’avorio GM 308 1954 Find a Victim Non fuggire, sceriffo GM 326 1956 The Barbarous Coast Costa dei Barbari GM 406, CG 387 1958 The Doomsters L’inferno è in terra GM 517 1959 The Galton Case A un passo dalla “sedia” GM 581 1961 The Wycherly Woman Non fare agli altri… GM 693, CG 103 1962 The Zebra-Striped Hearse Il sangue non è acqua GM 773, CG 437, CG 729 1964 The Chill Il delitto non invecchia RAP 13, CG 248 1965 The Far Side of the Dollar Il vespaio GM 882, CG 464 1966 Black Money Denaro nero RAP 31, OS 490 1968 The Instant Enemy Paura di vivere GM 1072, CG 479 1969 The Goodbye Look Il mondo è marcio GM 1114, CG 558 1971 The Underground Man L’uomo sotterraneo SAS, CG 745 1973 Sleeping Beauty La bella addormentata GM 1324 1976 The Blue Hammer Lew Archer e il Brivido Blu GM 1507, CG 864

Senza personaggio fisso 1944 The Dark Tunnel Il tunnel GM 102, CG 696 1946 Trouble Follows Me Sempre nei guai GG 4, CSEG 37 1947 Blue City La città del diavolo GM 90, CG 229 1948 The Three Roads L’assassino di mia moglie GM 758, CG 142 1953 Meet Me at the Morgue Hanno rapito un bimbo GM 283 1960 The Ferguson Affair Segreto di famiglia GM 664, CG 45

Raccolte di racconti 1955 The Name Is Archer Il mio nome è Archer OG 29 1977 Lew Archer, Private Investigator [comprende “The Name Is Archer” più i racconti “Midnight Blue” e “Sleeping Dog”]  

Racconti singoli 1945 Death by Water     1946 Find the Woman La casa sulla spiaggia [1]   1948 The Sky Hook     1948 Murder Is a Public Matter / The Bearded Lady La donna barbuta [1]   1950 Strangers in Town     1953 Shock Treatment     1953 The Imaginary Blonde / Gone Girl Una ragazza inquieta [1]   1953 The Guilty Ones / The Sinister Habit Un’abitudine funesta [1]   1953 The Beat-Up Sister /The Missing Sister Case / The Suicide La suicida [1]   1954 Guilt-Edged Blonde Quasi colpevole [1]   1954 Wild Goose Chase Un’impresa vana [1]   1955 The Angry Man     1960 Midnight Blue Mezzanotte blu Primavera Gialla 1978, Mondadori 1965 The Sleeping Dog    

[1] In “Il mio nome è Archer”

Giallo Italia

Scerbanenco ed io
interventi di M. Fois, A.G. Pinketts, C. Lucarelli(*)

Da Scerbanenco ho imparato che attraverso il proprio tempo si può descrivere qualcosa che rimane, o che aspira a rimanere. Più che un rapporto stilistico ho con lui un rapporto “etico”. Sì, Scerbanenco, insieme ad altri autori ben inteso, mi ha educato a concepire la necessità di trama senza il timore della trama. Appartengo a una generazione di autori che si sono dovuti inventare una collocazione nel panorama letterario, collocazione che non sembrava attuabile e attuale. Ma fortunatamente c’era Scerbanenco. C’era cioè un autore che usava la scrittura per raccontare in un momento storico in cui raccontare non pareva essere il compito principale della scrittura. Nessuno ha saputo descrivere come lui l’Italietta del boom economico, nessuno ha saputo mettere in luce le miserie di una guerra civile, non dichiarata, in nome del benessere e i guasti che questa guerra ha prodotto in una nazione. “Traditori di tutti” vale un volume di Storia d’Italia contemporanea. E’ un autore a cui devo molto: mi ha insegnato a non vergognarmi della mia provincialità.

Marcello Fois

Credo sia fondamentale l’impronta di G.S. nel mio romanzo “Il vizio dell’agnello”, che parte descrivendo lo squallore poetico scerbanenchiano. In realtà, tutti i miei scritti sono permeati da questa, per fortuna leggera, eredità. Leggera nel senso di non invadente, ma lieve e perciò non negativa.
Una eredità senza passi di successione, quasi il testimone da acchiappare in una corsa in un prato.
Io, tra l’altro, sono cresciuto nella Milano degli anni ’60. Il fatto di vedermela proposta, lettore dodicenne, rappresentava già una sorta di archeologia e antropologia.
Sì, è stato sicuramente un maestro; il maestro di allievi fortunatamente indisciplinati, perché nessuno degli scrittori della mia generazione ha mai cercato di imitarlo, ma la sua eredità sta proprio nell’aver irradiato il campo minato di scrittori che senza idolatrarlo lo adorano.

Andrea G. Pinketts

Uno dei più grandi scrittori italiani del ‘900 come lui non può che essere importante per uno scrittore italiano del ‘900 come me, soprattutto quando ha scritto i libri che avrei voluto scrivere io. E’ dal primo libro di Scerbanenco che ho letto (“I ragazzi del Massacro”) che ho pensato che avrei voluto scrivere anch’io quelle storie e in quel modo. Storie di mistero e contemporaneamente di realtà. Raccontate con durezza ma con umanità e senza nessun pregiudizio, né ideologico né letterario o stilistico.
Da Scerbanenco ho imparato a raccontare storie di personaggi “ambigui”, ossessionati da qualcosa (senso del dovere, ansia di giustizia, ricerca di se stessi), impegnati a fare i conti con un passato imbarazzante (De Luca e Duca Lamberti, per esempio); a guardare la metà oscura delle cose con un cinismo consapevole che all’orrore non c’è limite, ma anche con il dolore umano di sentire che così non va e con la certezza etica di cambiare le cose (la “mano davanti alla locomotiva” di cui parla Scerbanenco nel suo “Io, Scerbanenco”); a raccontare le mie storie con uno stile il più possibile intenso, scorrevole e nervoso, a metà tra quotidiano e letteratura. Insomma, a “raccontare”.

Gli apocrifi di Ellery Queen

Nel 1958, con la pubblicazione di The Finishing Stroke (Colpo di grazia), la carriera letteraria dei due cugini, Frederic Dannay e Manfred B. Lee, che dal 1929 scrivevano sotto lo pseudonimo Ellery Queen, pareva essersi volontariamente conclusa. The Finishing Stroke, romanzo insolito e singolare anche all’interno di una serie che si era sempre distinta per la sua totale originalita`, era stato concepito da Dannay e Lee proprio come il segno conclusivo e irrevocabile di quella che i Queen consideravano ormai una attivita` sempre piu` difficile e meno significativa: giustificare e legittimare la sopravvivenza di quello che Francis Nevins e` solito chiamare “enigma deduttivo formale”. In sintesi, i due cugini trovavano sempre piu` faticoso inserire un personaggio come Ellery Queen, sinonimo del ragionamento e della deduzione, all’interno di scenari criminali sempre piu` dominati da moderne tecniche d’investigazione poliziesca.
Non e` da escludere che l’apparizione, nel 1956, e il rapido successo di un autore come Ed McBain, convinto assertore, almeno nei primi tempi, di una stretta aderenza a forme di rigoroso naturalismo e realismo, abbiano persuaso un attento osservatore della scena gialla come Frederic Dannay che il tipo di romanzo poliziesco propugnato da Queen per quasi un trentennio pareva aver fatto il suo tempo (e che poi non sia esattamente andata cosi`, e che lo stesso McBain si sia rivelato uno squisito cultore, e a volte praticante, del giallo classico e` tutta un’altra faccenda).

La cronologia queeniana ci dice, oggi, che a The Finishing Stroke avrebbe fatto seguito The Player on the Other Side (Bentornato, Ellery!), ma solamente nel 1963 -a cinque anni di distanza-. Il lettore dell’epoca, invece, vide gia` nel 1961 apparire sul mercato un nuovo romanzo firmato Ellery Queen, Dead Man’s Tale (L’eredita` che scotta). A questo romanzo, che segnava una completa rottura con lo stile e con le tematiche fino ad allora affrontate da Dannay e Lee, avrebbero fatto seguito, fino al 1972, altri ventisette titoli: tutti firmati Ellery Queen ma assolutamente dissimili tra loro, nella enorme disparita` di argomenti, situazioni e varieta` stilistica da sembrare – come poi si sarebbe rivelato essere – opera dei piu` diversi autori.

Il mistero, almeno in Italia, e` rimasto ufficialmente insoluto fino al 1993, quando una puntigliosa bibliografia queeniana curata da Roberto Pirani, e inclusa in appendice all’Omnibus Mondadori Ellery Queen: sfida al lettore ha iniziato a squarciare il velo che copriva le identita` dei molti illustri collaboratori ingaggiati da Dannay e Lee nella stesura di questi romanzi “minori”. Di piu`; si e` anche appreso che la ditta Ellery Queen era in realta` una impresa “aperta” anche per quanto riguarda molti romanzi inseriti a pieno titolo nel canone queeniano consolidato, e che titoli come, appunto, The Player on the Other Side o …and on the Eighth Day… (…e l’ottavo giorno…] sono il risultato di un ghostwriting piu` o meno supervisionato dai Queen cosiddetti “titolari”.
Perché Dannay e Lee avessero deciso di affittare il nome Ellery Queen ad altri autori, per romanzi spesso di tutt’altro taglio stilistico, non e` ancora perfettamente chiaro, cosi` come non sono mai stati completamente delineati gli spesso burrascosi metodi di lavoro dei due cugini. Anche Francis Nevins, che divenne abbastanza intimo di Dannay negli ultimi dodici anni della vita di quest’ultimo (1970-1982), ma incontro` Lee soltanto un paio di volte, riusci` molto di rado a scalfire l’impenetrabilita` dei due autori su questo, evidentemente spinoso, argomento (il secondo capitolo del libro di Nevins The Sound of Detection cerca di far luce sui metodi dei due Queen, giungendo alla conclusione che i due non erano assolutamente in grado di lavorare insieme con tranquillita`, e che continuassero a farlo semplicemente perché la ditta Ellery Queen si era rivelata una consistente fonte di reddito). Pare, comunque, che l’idea e la gestione dei ventotto romanzi apocrifi sia da attribuirsi in toto a Manfred B. Lee, ipotesi suffragata anche dall’interruzione della serie, avvenuta nel 1972. Lee era scomparso l’anno prima, nell’aprile 1971.
Si puo` quindi considerare, con buona ragionevolezza, che la decisione di lanciare questa serie di nuovi romanzi firmati Queen fosse, per i due cugini, un ottimo espediente per mantenere vivo nella memoria del pubblico il loro pseudonimo, tanto piu` che la pubblicazione dei nuovi titoli era prevista direttamente in edizione economica, nella popolarissima serie della Pocket Books (che tra l’altro aveva pubblicato anni prima, nella collana Permabooks, i primi titoli dell’87° Distretto). Dopo il secondo titolo della serie, Death Spins the Platter (Alta infedelta`), uscito nel 1962, la serie ha una decisa impennata quantitativa, guarda caso corrispondente alla pubblicazione del nuovo romanzo con Ellery Queen, il gia` citato The Player on the Other Side. Nel 1963, infatti, i nuovi Pocket Books di Queen sono tre; nel 1964 e nel 1965 quattro; nel 1966 ben sette. Dal 1967 la serie inizia a calare numericamente, con due libri pubblicati, cosi` come nel 1968 e nel 1969. Gli ultimi due romanzi del ciclo escono rispettivamente nel 1970 e nel 1972, il primo evidentemente a rilento a causa delle declinanti condizioni di salute di Lee, che alla fine degli anni Sessanta era stato vittima di una pesantissima serie di attacchi cardiaci.

Esclusa completamente, quindi, la partecipazione di Frederic Dannay a questa impegnativa impresa editoriale (che, bisogna ricordare, non rappresenta un caso isolato nella letteratura poliziesca: gran parte della tarda produzione di Brett Halliday, ad esempio, e` opera di altri autori, tra i quali Bill Pronzini), puo` essere interessante esaminare in breve i tratti distintivi di questa insolita serie.
Innanzitutto i veri autori; chi si nasconde sotto il nome Ellery Queen? Dei ventotto romanzi polizieschi pubblicati dalla Pocket Books (gia`, perché ne esistono anche sei a carattere storico, pubblicati sotto il nome Barnaby Ross, il vecchio pseudonimo usato da Dannay e Lee per narrare i casi di Drury Lane negli anni Trenta) tre restano tuttora senza attribuzione certa: The Last Score (Safari per una lolita), The Killer Touch (Poliziotto di ventura) e Kiss and Kill (Frontiera maledetta). Per quanto riguarda gli altri, l’autore piu` impegnato risulta essere Richard Deming, l’ex ufficiale dei marines divenuto romanziere popolarissimo negli anni Cinquanta e Sessanta. Deming ha contribuito alla serie con ben dieci titoli, quattro dei quali relativi alla sottoserie che ha come protagonista il capitano Tim Corrigan, un veterano della guerra di Corea con un solo occhio. La sottoserie Corrigan, che comprende sei romanzi, era stata iniziata da Manfred B. Lee insieme a Talmage Powell, prolifico autore di pulp recentemente scomparso (1920-2000) e colonna, per molti anni, delle antologie “curate” da Alfred Hitchcock. Powell ha scritto quattro romanzi come Ellery Queen: oltre a due della sottoserie Corrigan, anche i notevoli Murder with a Past (Movente per un omicidio) e Beware the Young Stranger (La catena al piede). Anche Fletcher Flora, scomparso nel 1968, e` il vero autore di tre titoli, tra cui il curioso The Devil’s Cook (La ricetta del diavolo), nel quale l’indizio principale e` un ragu` con troppa cipolla…


I migliori romanzi della serie sono forse opera di Jack Vance, notissimo scrittore di fantascienza, e l’unico tra tutti gli autori coinvolti ad aver deliberatamente adottato situazioni e tematiche di carattere queeniano. The Four Johns (Confessa o morirai) ha quattro sospettati con lo stesso nome; The Madman Theory (Il seme della follia) riprende il tema del serial killer alla cieca che nasconde invece un piano accuratamente predeterminato; A Room to Die (Una stanza per morirci), a mio avviso il piu` riuscito tra gli apocrifi, presenta un enigma di camera chiusa di interessante fattura.

Cinque autori diversi hanno invece scritto un romanzo ciascuno. Henry Kane, il creatore di Peter Chambers, si nasconde dietro Kill As Directed (Assassinio su ricetta), uno dei primi romanzi della serie; a Stephen Marlowe, padre di Chester Drum, e` toccato il primo romanzo, il gia` citato Dead Man’s Tale, romanzo di avventura e intrigo internazionale piu` che giallo vero e proprio. Walt Sheldon, autore praticamente sconosciuto in Italia, ma molto attivo su rivista negli USA, ha invece scritto nel 1968 Guess Who’s Coming to Kill You (Indovina chi viene ad ucciderti), una delle due incursioni della serie nel campo dello spionaggio (l’altra e` Who Spies, Who Kills? (C’e` chi spia, c’e` chi uccide), firmata nel 1966 da Talmage Powell). Infine, la seconda sottoserie dedicata alle avventure di Mike McCall, The Troubleshooter, assistente speciale del governatore Sam Holland, e` stata firmata, oltre che da Richard Deming, da due autori insoliti come Gil Brewer, autentico archetipo dello scrittore noir “maledetto”, e da Edward D. Hoch, una delle presenze piu` qualificate della Rivista di Ellery Queen e, forse, unico vero erede di Queen nella forma del racconto breve.
La serie McCall merita qualche parola in piu`, perché in essa Manfred B. Lee sembra voler esplorare territori ancora una volta diversi: McCall affronta casi dal forte substrato politico, calati in pieno clima anni Settanta, nei quali si parla di argomenti allora poco frequenti nel poliziesco, come la contestazione studentesca, le rivolte nei ghetti, l’industria del porno (soggetto, quest’ultimo, spesso affrontato da Edward D. Hoch anche in proprio: ad esempio, nel racconto Captain Leopold Saves a Life, del 1973: giusto pochi mesi dopo il suo contributo alla serie McCall, The Blue Movie Murders).

Come si sara` potuto vedere, quindi, da questa sommaria disamina, anche in un aspetto evidentemente secondario della sua attivita` la ditta Ellery Queen e` in grado di offrire, al lettore e allo studioso, motivi di interesse non secondari. Gli apocrifi di Ellery Queen, lungi dall’essere romanzi mediocri, consentono invece di poter meglio inquadrare la cosiddetta “quarta fase” del canone queeniano; quella, per intendersi, che si apre nel 1963 con The Player on the Other Side (scritto, a quanto si e` appreso negli ultimi anni, da Dannay insieme a Theodore Sturgeon) e che si conclude nel 1971 con A Fine and Private Place (La prova del nove), trionfo finale della logica deduttiva e del tema, assolutamente queeniano, della manipolazione dell’individuo da parte di un’entita` superiore (vera o presunta). E il segno della grande attualita` dei romanzi di Queen e` l’influenza che ancor oggi essi esercitano su molti autori contemporanei, come ad esempio Dennis Lehane, il cui Darkness, Take My Hand (1996) riprende e amplifica in maniera totalmente inaspettata le tematiche manipolatorie, appunto, di The Player on the Other Side. Il ragazzo (Lehane, intendo) ha evidentemente fatto le sue buone letture.

Ruth Rendell

Ruth Rendell (Barbara Vine) [1930 – ]
Romanzi con l’ispettore capo Wexford
1964 From Doon with Death Lettere mortali GM 16641967 A New Lease on Death
[edizione USA: Sins of the Father] Il caso è aperto GM 18141967 Wolf to the Slaughter Un certo Smith GM 18001969 The Best Man to Die Il mio peggiore amico GM 10961970 A Guilty Thing Surprised Quella buia notte di settembre GM 19041971 No More Dying Then Caccia al kidnapper GM 12411972 Murder Being Once Done La ragazza caduta dal cielo GM 20551973 Some Lie and Some Die Chi muore e chi mente GM 19551975 Shake Hands Forever Addio per sempre GM 20321978 A Sleeping Life Sulle orme di un’ombra GM 15931979 Means of Evil
[raccolta di racconti]    1981 Put On by Cunning
[edizione USA: Death Notes] Il flauto tragico GM 17481983 The Speaker of Mandarin L’ispettore vede giallo GM 18551985 An Unkindness of Ravens La sfida del corvo GM 19641988 The Veiled One La donna velata GM 20891992 Kissing the Gunner’s Daughter Oltre il cancello GM 23721994 Simisola La leggerezza del dovere Mondadori1997 Roadrage La strada delle farfalle Mondadori1999 Harm Done    

Altri romanzi e raccolte di racconti
1965 To Fear a Painted Devil Vespe e veleni GM 16891965 Vanity Dies Hard Il tarlo del sospetto GM 22361968 The Secret House of Death Il segreto della casa GM 18371971 One Across, Two Down Rebus per un funerale GM 12171974 The Face of Trespass Il volto del peccato GM 22541976 A Demon in My View Paura d’uccidere GM 14851976 The Fallen Curtain
[raccolta di racconti]    1977 A Judgment in Stone La morte non sa leggere GM 21211979 Make Death Love Me La morte mi ama GM 16471980 The Lake of Darkness Nel lago d’ombra GM 17681982 Master of the Moor Il mistero della brughiera GM 23111982 The Fever Tree
[raccolta di racconti]    1984 The Killing Doll La bambola che uccide Rizzoli1984 The Tree of Hands L’albero delle mani Rizzoli1985 The New Girlfriend
[raccolta di racconti]    1986 Live Flesh Carne viva Fabbri1987 Talking to Strange Men Parlando con uno sconosciuto Rizzoli1987 Heartstones A forma di cuore Bompiani1987 Collected Short Stories I racconti Bompiani1989 The Bridesmaid Il pugnale di vetro Rizzoli1990 Going Wrong Qualcosa di sbagliato Rizzoli1991 The Copper Peacock
[raccolta di racconti]    1993 The Crocodile Bird L’urlo del colibrì Rizzoli1995 Blood Lines
[raccolta di racconti]    1996 The Keys to the Street Il parco delle anime Mondadori1998 A Sight for Sore Eyes    2000 “Piranha to Scurfy” and Other Stories
[raccolta di racconti]    2001 Adam and Eve and Pinch Me    

Romanzi scritti con lo pseudonimo “Barbara Vine”
1986 A Dark-Adapted Eye Occhi nel buio Longanesi1987 A Fatal Inversion La casa della lunga estate Longanesi1988 The House of Stairs Ombre sulle scale Longanesi1990 Gallowglass    1991 King Solomon’s Carpet Il tappeto di re Salomone Corbaccio1993 Asta’s Book I giorni di Asta Westerby Mondadori1994 No Night Is Too Long La notte dei due uomini Mondadori1995 The Brimstone Wedding La villa dei ricordi cattivi Mondadori1998 The Chimney Sweeper’s Boy    2000 Grasshopper